Si prevede ancora che l’inflazione della zona euro diminuirà nel 2022, dato che i fattori dietro al rialzo rimangono temporanei, anche se il ritmo del calo sarà più lento di quanto stimato originariamente

 

 

“L’inflazione nel prossimo anno calerà indubbiamente, ma l’intensità del calo forse non sarà quella che abbiamo previsto un paio di mesi fa”, ha detto durante un’intervista con l’emittente radio spagnola Onda Cero.
L’inflazione ha superato il 4% a ottobre, oltre il doppio del target Bce del 2%, e continuerà a salire nei prossimi mesi, sulla scia dei crescenti prezzi energetici, di trasporto e di alcuni aumenti delle imposte.

 

 

Fonte:www.reuters.com