Mercati azionari in rosso venerdì dopo che nelle prime ore di oggi è scoppiato un incendio in un’area presso Zaporizhzhia, la più grande centrale nucleare d’Europa che garantisce il 20% dell’energia elettrica del Paese attaccato

 

Funzionari ucraini hanno affermato che la situazione è al momento sicura, secondo la CNBC.

Dopo essere sceso sotto la soglia dei 24 mila punti alla vigilia ilFTSE MIB è indicato in ribasso di 290 punti, i future Dax sono in calo di 210 punti, i future Cac registrano -83 punti, mentre i future sull’Euro Stoxx 50 segnano -46 punti.

Segno negativo anche sui principali indici asiatici, con Nikkei in calo del 2,2%, Hang Seng in negativo del 2,6% e Shanghai Composite al -1%.

Rosso generalizzato anche per quanto riguarda Wall Street: lo S&P 500 ha perso lo 0,5%, il Nasdaq il -1,5% mentre il Dow Jones ha registrato il -0,2%.

L’attentato russo ha attirato ancora una volta la condanna da parte della più larga comunità internazionale con i leader occidentali, incluso il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, che hanno chiesto a Mosca di fermare l’attacco e consentire ai servizi di emergenza di lavorare nello stabilimento di Zaporizhzhia, nell’Ucraina centrale.

Dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accusato la Russia di voler ripetere il disastro di Chernobyl, il primo ministro britannico Boris Johnson ha assicurato al premier di Kiev che chiederà la convocazione di una riunione di emergenza del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per discutere dell’attacco.

Il segretario all’Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm ha detto di aver parlato con il ministro dell’Energia ucraino della situazione alla centrale nucleare e ha deciso di attivare il Nuclear Incident Response Team degli Stati Uniti. “I militari russi vicino alla centrale sono sconsiderati e devono fermarsi”, ha scritto Granholm in un tweet.

 

 

Fonte:www.euronews.com