Tesla resta ancora l’azienda leader nel gruppo dei produttori di auto elettriche, anche se la concorrenza nel settore si sta intensificando, secondo Wedbush Securities

 

 

Cosa dicono gli analisti su Tesla: l’analista di Wedbush Daniel Ives ha mantenuto il rating Neutral sulla casa automobilistica e ha aumentato il prezzo obiettivo a 12 mesi da 715 a 950 dollari; l’analista ha inoltre stabilito un target price rialzista di 1.250 dollari, aumentandolo rispetto alla precedente cifra di 1.000 dollari.

La tesi su Tesla: la casa automobilistica guidata da Elon Musk supererà la soglia di un milione di consegne nel 2022 e potrebbe avvicinarsi a cinque milioni di consegne all’anno entro la fine del decennio qualora la domanda di veicoli elettrici a livello globale mantenesse il ritmo attuale, ha scritto Ives in una nota giovedì.

“Riteniamo che nel complesso i veicoli elettrici, che oggi costituiscono il 3% delle vendite globali di auto, potrebbero raggiungere il 5% entro la fine del 2021 e il 10% entro il 2025”, ha affermato Ives.

L’analista ha definito i concorrenti di Tesla nel fondamentale mercato cinese, come Nio Inc (NYSE:NIO), Xpeng Inc (NYSE:XPEV) e Li Auto Inc (NASDAQ:LI), “ragguardevoli”.

“Ci sono oltre 150 case automobilistiche che cercano in modo aggressivo opportunità dalle auto elettriche a livello globale; in questo momento, crediamo che il mercato dei veicoli elettrici sia il mondo di Tesla e che tutti gli altri stiano pagando l’affitto”.

Wedbush prevede che il 40% delle vendite complessive di Tesla proverrà dalla Cina, seguita da Europa e Stati Uniti.

“Crediamo che in uno scenario rialzista la storia di crescita del mercato cinese valga di almeno 100 dollari per azione per Tesla, poiché la penetrazione dei veicoli elettrici è destinata ad aumentare significativamente nei prossimi 12-18 mesi, insieme alle principali innovazioni sulle batterie in uscita dalla Gigafactory 3”.

Altri aspetti positivi per la casa automobilistica di Palo Alto includono Biden alla casa bianca e un Senato a maggioranza dem; il controllo Democratico sul Senato è un “punto di svolta”, secondo Ives.

Guarda anche: Tesla, valutazione da $2.000 miliardi entro 2 anni?

L’aumento dei crediti d’imposta per le auto elettriche e degli incentivi ai consumatori associati al supporto federale rappresentano un fattore positivo per Tesla, General Motors Company (NYSE:NYSE:GM), Rivian – sostenuta da Amazon.com, Inc (NASDAQ:NASDAQ:AMZN) – e Fisker Inc (NYSE:FSR), secondo l’analista.

Movimento dei prezzi di Tesla: giovedì le azioni di Tesla hanno chiuso in ribasso dell’1,1% a 845 dollari; nella sessione after-hours hanno guadagnato lo 0,35%.

 

 

Fonte:www.investing.com