Ryanair ha detto che è impossibile fornire stime dettagliate, a parte la speranza di ritornare ad una “ragionevole redditività” quest’anno, per le incertezze dovute al coronavirus e alla guerra in Ucraina, dopo aver registrato un miglioramento della perdita annuale

 

La più grande compagnia aerea europea per numero di passeggeri ha registrato una perdita di 355 milioni di euro nell’esercizio chiuso a marzo, ancora segnato dalla pandemia e ha detto di voler far crescere il traffico a 165 milioni di passeggeri quest’anno rispetto al record di 149 milioni pre-pandemia.
Tuttavia il Ceo Michael O’Leary ha affermato in un comunicato che sarebbe “difficile se non impossibile” fornire una guidance accurata prima della seconda metà di quest’anno finanziario, dato le incertezze che la guerra in Ucraina e il Covid-19 pongono al settore viaggi.
Sebbene le prenotazioni siano aumentate nelle ultime settimane, O’Leary ha detto di essere un po’ preoccupato per l’ottimismo mostrato dalle altre compagnie aeree in merito alla ripresa estiva, dicendo che serve cautela in vista dell’inverno e del previsto rallentamento dell’economia.

 

 

Fonte:www.tradingview.com