In alcuni ospedali indiani sono stati impiegati diversi modelli di robot per svolgere assistenza al personale e ai pazienti malati di coronavirus

 

 

 

Un piccolo esercito di Robot è entrato in azione nella lotta contro il coronavirus. In uno dei paesi con più alto numero di casi di Covid 19 al mondo, ovvero l’India, sono stati sviluppati otto robot per svolgere diverse mansioni negli ospedali, saturati dall’aumento di pazienti a causa della pandemia. Tre di questi esemplari robotici sono stati ‘assunti’ a Bangalore, dove si occupano di vari compiti, tra cui la pulizia delle superfici, rispondere alle domande dei pazienti e l’assistenza agli operatori sanitari in prima linea nella lotta al virus.

L’AMICO ‘MITRA’

Tra tutti i modelli realizzati, il più utilizzato è Mitra, ‘amico’ nella lingua locale hindi, impiegato all’ingresso dell’ospedale Yatharth di Noida e nel reparto di terapia intensiva. Si tratta di un modello del valore di circa 10 mila dollari e dispone della tecnologia di riconoscimento facciale che gli permette di riconoscere i volti dei pazienti associandoli al loro nome. Inoltre, può muoversi all’interno di un ospedale in modo indipendente, aiutando i pazienti a connettersi con la famiglia e i medici attraverso le sue telecamere e uno schermo video presente sul suo petto.
“Mitra può assistere l’infermiera o il medico, leggere i dati dei segni vitali, ricordare i farmaci al personale”, spiega Balaji Viswanathan, CEO di Invento Robotics, il quale sottolinea l’importanza del Robot in questo contesto. “Può sembrare ironico, ma stiamo usando i robot per portare l’umanità negli ospedali”, dichiarava Viswanathan a CNN Business.

 

 

Fonte:www.investing.com