Come per le migliori “meme-stock”, il titolo di Revlon ha guadagnato in Borsa il 250% nelle ultime cinque sedute di Wall Street nonostante la società abbia depositato il documento che ne certifica la bancarotta

 

Poco più di di una settimana fa, il colosso statunitense dei cosmetici ha presentato istanza di fallimento ai sensi del capitolo 11 nel distretto meridionale di New York, mettendo fine ad una storia iniziata durante la Grande Depressione del ’29 per via del troppo debito accumulato negli ultimi anni (in particolar modo durante la pandemia).
Secondo il documento depositato alle autorità statunitensi, la società detiene un debito di oltre 3,7 miliardi di dollari amplificato dalla crisi delle catene di approvvigionamento, dall’aumento dell’inflazione e dal calo delle vendite causato da pandemia e aumento della concorrenza.
Il debito, che include prestiti con scadenza al 2024 e tasso del 6,25%, si è ingigantito dopo che Revlon ha emesso oltre 2 miliardi di dollari di prestiti e obbligazioni per sostenere l’acquisizione della società di cosmetici canadese Elizabeth Arden nel 2016.

 

 

Fonte:www.benzinga.com