Renault, la casa automobilistica occidentale più esposta al mercato russo, ha registrato un calo dei ricavi del primo trimestre a causa dell’impatto del conflitto in Ucraina e della carenza di semiconduttori sul settore

 

Il gruppo, che produce anche i veicoli Dacia e Lada, ha detto che le vendite sono diminuite del 2,7% a 9,748 miliardi di euro. Escludendo le attività di Avtovaz e Renault Russia, le vendite risultano in calo dell’1,1%.

Renault sta procedendo con i piani per dividere le attività per veicoli elettrici dalle vetture con motori a combustione, nel tentativo di recuperare terreno rispetto a rivali come Tesla (NASDAQ:TSLA) e Volkswagen (ETR:VOWG), e sta rivedendo il suo business in Russia in seguito alle ampie sanzioni imposte dall’Occidente contro Mosca.

Renault ha confermato l’outlook finanziario delineato a marzo e ha annunciato che più tardi quest’anno fornirà un aggiornamento più dettagliato sui target e la strategia del gruppo.

 

 

Fonte:www.benzinga.com