Piazza Affari crolla del 3,4% a causa della crisi che ha investito il governo italiano

 

Le tensioni non si sono placate dopo il voto di fiducia al Senato sul dl Aiuti. Infatti, lo spettro della crisi di governo manda a picco Piazza Affari, con il Ftse Mib che chiude a -3,36%. In rosso anche gli altri listini europei, con il Dax di Francoforte che archivia la seduta a -1,89%, il Cac 40 di Parigi a -1,41%, l’Ibex 35 di Madrid a -1,73% e il Ftse 100 a -1,69%.

Lo spread è arrivato a toccare i 228 punti base, mentre l’euro è sceso sotto la parità con il dollaro.

In calo anche Wall Street, dopo le trimestrali deludenti di Jp Morgan e Morgan Stanley.

Lo spread chiude in crescita, a 223 punti base, 14 punti in più rispetto al closing di ieri. In salita anche il rendimento del Btp decennale benchmark che ha segnato un’ultima posizione al 3,41%, dal 3,34% della vigilia. Sul listino milanese, tra i titoli che hanno sofferto di più ci sono i bancari, con UniCredit a -7,36%, Bper a -6,13% e Banco Bpm a -6,10%. La Commissione Ue ha abbassato le stime di crescita per l’Italia, facendola diventare fanalino di coda dell’Eurozona.

 

 

Fonte:www.financialounge.com