Avvio all’insegna della cautela per i principali listini del Vecchio Continente, con gli investitori che attendono indicazioni sulle prossime mosse della Fed dal presidente Powell, oggi in audizione al Senato Usa. Spread poco mosso

 

Le Borse europee iniziano sotto la parità la giornata di contrattazioni, con l’attenzione degli investitori che resta puntata sulla Francia, per capire quali saranno le mosse post voto, e sulla Fed, col presidente Jerome Powell che è atteso in audizione al Senato Usa. A Milano il Ftse Mib apre a -0,27%, il Cac 40 di Parigi a -0,40%, il Dax di Francoforte a -0,55%, l’Ibex 35 di Madrid a -0,35% e il Ftse 100 di Londra a -0,02%.

Guardando ai singoli titoli, a Piazza Affari da seguire Stellantis (-0,26%), con il calo della produzione in Italia del 25,2%, nel primo semestre 2024.

Al centro dell’attenzione del mercato resta la Francia, con gli investitori che seguono l’evoluzione della situazione politica, in vista della formazione di una nuova maggioranza parlamentare, dopo la vittoria del Nuovo fronte popolare nel secondo turno delle elezioni politiche di domenica.

Tornando alla politica monetaria, oggi Powell nel suo discorso alla Commissione bancaria del Senato Usa dovrebbe ribadire un approccio paziente, basato sui dati, con un primo taglio dei tassi della banca centrale americana che potrebbe arrivare non prima di settembre.

Sul versante valutario, l’euro è poco mosso a 1,082 dollari. Piatto il prezzo del petrolio, con il Wti scadenza agosto che scambia a 82,34 dollari al barile (+0,01%), mentre il Brent scadenza settembre a 85,78 dollari al barile (+0,03%). Il gas naturale è in lieve calo a 32,2 euro al megawattora. Lo spread apre poco mosso a 135 punti base, col rendimento del decennale italiano al 3,89%.

 

 

Fonte:www.financialounge.com