Le due aziende di pneumatici sono pronte a lasciare per prime la Russia

 

Michelin e Nokian sono i primi produttori di pneumatici occidentali a rinunciare ad operare in Russia. Mentre Nokian Tyres ha dichiarato di voler abbandonare il Paese, la concorrente Michelin prevede di cedere le sue attività russe ad una nuova entità a gestione locale entro la fine dell’anno.

L’azienda francese, primo produttore occidentale di pneumatici a entrare in Russia nel 2004, ha sospeso le proprie attività nel paese a metà marzo, per le difficoltà della catena di approvvigionamento dopo l’invasione dell’Ucraina e per le conseguenti sanzioni contro Mosca.

Stessa situazione per la tedesca Continental, che ha sottolineato l’impossibilità di riprendere la produzione a causa di problemi alla catena di approvvigionamento dovuti alle sanzioni contro Mosca.

Anche Diageo, il più grande produttore di alcolici al mondo, e le finlandesi Kone e Ponsse hanno annunciato oggi di voler lasciare la Russia, mosse dalla prospettiva che nelle prossime settimane venga approvata una nuova legge che consentirebbe alla Russia di sequestrare i loro beni e intraprendere azioni penali nei loro confronti.

 

 

Fonte:www.reuters.com