Avvio sotto la parità per i listini del Vecchio Continente, con gli investitori che attendono le indicazioni dal meeting odierno della Banca centrale europea che dovrebbe alzare i tassi già da luglio

 

Le Borse europee aprono in rosso, nel giorno della Bce che sancirà la fine del quantitative easing. A Milano il Ftse Mib in apertura segna -0,45%, il Dax di Francoforte -0,55%, il Cac 40 di Parigi -0,52%, il Ftse 100 di Londra -0,40%. La Borsa di Tokyo archivia la seduta in lieve rialzo, con l’indice Nikkei a +0,04%, trainato dallo yen ancora debole.

ANSIA DA BCE Oggi la Banca centrale europea renderà noti i tempi della stretta monetaria, anche a partire dalle aggiornate previsioni macro dell’eurozona. La maggior parte degli investitori attende il primo ritocco verso l’alto dei tassi già a partire da luglio. A Parigi, sempre oggi, è in programma il Consiglio dei ministri dell’Ocse, a cui partecipa il premier Mario Draghi. L’inflazione e il conflitto in Ucraina pesano sulle prospettive di crescita globali.

 

 

Fonte:www.financialounge.com