Diverse le comunicazioni ‘price sensitive’ arrivate dal gruppo Leonardo, leader italiana nei settori dell’Aerospazio, della Difesa e della Sicurezza

 

Prosegue il rally di Leonardo a Piazza Affari dopo la chiusura spumeggiante della seduta di ieri con un +16%. Oggi il titolo Leonardo SpA (MI:LDOF) arriva a guadagnare oltre il 5% subito dopo l’apertura, con le azioni quotate oltre i 5,3 euro.

Ieri la performance di Leonardo era stata sostenuta dai rumor di stampa secondo i quali ci sia la possibilità di una quotazione a Wall Streer per un eventuale spin off della controllata DRS, già quotata al New York Stock Exchange fino al 2008 quando l’ex Finmeccanica (MI:LDOF) ha rilevato interamente la società, decidendone successivamente il delisting.

A mercati chiusi, però, è arrivata la smentita della società circa questa ipotesi. “Leonardo informa che, come di consueto, valuta costantemente diverse opzioni in un’ottica di creazione di valore per i propri azionisti, tra cui la possibilità di procedere alla quotazione di Leonardo DRS. Nessuna decisione formale in merito è stata tuttavia presa”, scrivevano dalla società.

Ultime da Leonardo

Diverse le comunicazioni ‘price sensitive’ arrivate dal gruppo Leonardo, leader italiana nei settori dell’Aerospazio, della Difesa e della Sicurezza.

Life Link III, operatore statunitense di elisoccorso basato nel Minnesota e nel Wisconsin, ha firmato un contratto con la società italiana per un elicottero AW169 e per un AW109 Trekker per missioni di trasporto medico d’urgenza. La flotta sale a 14 unità con un ordine per due ulteriori elicotteri.

Leonardo ha consegnato all’Aeronautica Militare il più avanzato dei suoi Eurofighter Typhoon, cuore del sistema di protezione dei cieli italiani ed europei.

Il gruppo presenta Lionfish, la nuova famiglia di torrette di piccolo calibro a controllo remoto, per la difesa navale, che avviene tramite una consolle e la suite di sensori elettro-ottici capaci di individuare gli obiettivi con estrema precisione, sia di giorno che di notte.

Infine, insieme a Telespazio e Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, Leonardo ha sperimentato l’uso di droni per la consegna di materiale sanitario. Le prove si sono svolte tra il 19 e il 22 ottobre. Il drone ha trasportato materiale sanitario volando nei pressi di Roma tra due siti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù distanti oltre 32 km: dal centro di prelievo di S. Marinella a quello di analisi di Palidoro e viceversa, utilizzando una modalità di controllo automatico oltre il campo visivo dell’operatore (BVLOS – Beyond Visual Line of Sight

 

Fonte:www.investing.com