Se guardiamo il grafico il grafico dell’argento comparato con quello dell’oro, ci accorgiamo di come l’andamento dei prezzi sia molto simile, ma come nell’ultimo periodo l’argento sia rimasto molto indietro rispetto al suo fratello maggiore

 

 

Questa diversità di performance rappresenta un’opportunità?
L’argento è una materia prima molto volatile, motivo per cui ci possiamo aspettare di tutto!
Ma perché l’argento ha un valore?

L’argento è una materia prima che viene utilizzata in diversi campi:

  • Il 30% di tutto l’argento estratto viene utilizzato dall’industria elettronica, grazie alle sue particolari caratteristiche fisiche.
  • Il 26% viene utilizzato dall’industria dei gioielli e dell’argenteria
  • Il 12% viene utilizzato per la fabbricazione di monete
  • Il 3% viene utilizzato dall’industria della fotografia, un utilizzo calato moltissimo dopo l’avvento della fotografia digitale.

C’è anche un’altra grande categoria, che assorbe il 29% dell’argento estratto: stiamo parlando, per esempio, dell’industria dei pannelli solari. L’argento viene anche usato all’interno delle turbine delle pale eoliche. L’argento è anche molto richiesto dall’industria medica, visto che, tra le varie proprietà, ha quella di riuscire ad uccidere i batteri.

Come mai l’argento è rimasto così indietro rispetto all’oro?

Uno dei motivi è che, esattamente come l’oro, non genera nessun rendimento e quando i tassi di interesse sono alti, l’argento è l’ultima delle scelte tra gli investitori. Inoltre l’argento è disponibile in grandi quantità e negli ultimi anni l’offerta di argento è stata maggiore della domanda, motivo per cui l’andamento del prezzo è stato influenzato da una domanda in calo, negli ultimi anni. Ma le cose potrebbero cambiare a breve!

Ed è proprio una particolare industria quella che potrebbe fare schizzare verso l’alto la domanda.
Secondo il Silver Institute, la domanda di Argento da qui al 2024 è destinata a quadruplicare, in particolare per via della grande richiesta dell’industria delle batterie e delle auto elettriche.

L’argento, infatti, è il metallo con la più bassa resistenza all’energia elettrica. Non esistono altri metalli con una resistenza così bassa! Nemmeno l’oro. Ed è proprio questa sua caratteristica che lo rende praticamente insostituibile nell’assemblaggio di componenti elettronici.

Come facciamo a dire se il prezzo dell’argento è valutato correttamente?

Non essendo un’azienda con dei bilanci, è difficile calcolare un fair value. Possiamo conoscere però il costo di estrazione, che è compreso in una forchetta che va dai 20 ai 22 dollari per oncia, inoltre possiamo utilizzare quello che viene chiamato il Gold/Silver ratio.

Il Gold silver ratio è semplicemente la quantità di Argento che serve per comprare un’oncia di oro e quando questo è alto rispetto al suo stesso storico, molto probabilmente l’argento è sottovalutato. Ed è esattamente quello che sta succedendo in questo momento! Addirittura il massimo storico di questa ratio è stato segnato lo scorso marzo, proprio in concomitanza della violenta ripartenza dell’argento!

Gli investitori istituzionali stanno comprando argento

I grandi investitori sono al corrente di tutte queste informazioni infatti, se guardiamo i flussi di denaro relativi ai principali ETC che replicano l’andamento dell’argento, vediamo come dai primi mesi del 2020 l’afflusso di capitali al loro interno è aumentato esponenzialmente. Una prova che l’interessa verso questa materia prima, sta aumentando drasticamente.

Se vogliamo investire al rialzo sull’argento possiamo utilizzare proprio un ETF, che ci consentirebbe di sfruttare eventuali rialzi, senza dover comprare lingotti o monete reali. Ricordiamoci però che, come detto ad inizio video, l’argento è altamente volatile! Qualora volessimo sfruttare questa volatilità per fare trading di breve periodo, potremmo utilizzare i certificati a leva fissa. Con i quali potremmo operare sia al rialzo che al ribasso, sfruttando addirittura un effetto leva pari a sette volte.

Ecco gli strumenti con cui attuare le strategie sull’argento:

ETC ARGENTO (MI:SLVR1L): XS1526242711
CERTIFICATO a LEVA LONG: LU2149249869
CERTIFICATO a LEVA SHORT: LU2215916821

 

 

 

Fonte:www.investing.com