Lan Wang Simond, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management, a fronte della volatilità suggerisce un approccio cauto, ma vede opportunità nei veicoli elettrici e nei segmenti di consumo

 

 

Investire in Cina è sempre stato simile a remare in acque agitate più che godersi una crociera di lusso, e nelle ultime settimane le condizioni sembrano ancora più tempestose con le strette normative, la restrizione della liquidità e il rallentamento della crescita. Per questo la prudenza è giustificata, ma ci sono ancora grandi opportunità per chi è disposto ad affrontare le onde. Un vantaggio può essere offerto da un approccio long/short che, combinando la selezione dei titoli con le priorità strategiche ufficiali della Cina, possa beneficiare delle opportunità offerte dal mercato, annullando le potenziali minacce.

Lo sostiene in un commento Lan Wang Simond, Senior Investment Manager di Pictet Asset Management, secondo cui un’area prioritaria con forti prospettive di crescita è quella dei veicoli elettrici, che ha visto la penetrazione in Cina raddoppiare quest’anno, raggiungendo il 20%. A differenza dell’Europa, è una crescita non trainata dai sussidi ma da una vera e propria domanda organica. La Cina vede i veicoli elettrici anche come un’opportunità per entrare in modo significativo sul mercato automobilistico globale, essendo rimasta indietro nei tradizionali veicoli a benzina, dove l’Europa aveva invece un grande vantaggio.

 

 

 

Fonte:www.financialounge.com