Hsbc Holdings ha superato i suoi obiettivi di assunzione per l’attività di gestione patrimoniale al dettaglio in Cina e sta esplorando la possibilità di rientrare nel settore bancario privato in India, come parte del suo piano per rendere l’Asia e la divisione wealth pilastri chiave della crescita

 

 

Nell’ambito della strategia guidata dal Ceo del gruppo Noel Quinn, Hsbc sta investendo 3,5 miliardi di dollari nella divisione wealth e personal banking, in linea con l’obiettivo di diventare il più importante wealth manager in Asia entro il 2025.
“Siamo la principale banca internazionale in Cina, quindi vogliamo sfruttare questa opportunità”, ha detto il Ceo di Wealth and Personal Banking Nuno Matos, uno dei quattro alti dirigenti che si trasferiranno a Hong Kong da Londra quest’anno come parte del piano di radicamento della banca nella regione.
“Sul versante del private banking, siamo ora in chiara modalità di espansione”, ha detto Matos a Reuters in una delle sue prime interviste dal trasferimento.
L’Asia è la regione più grande per Hsbc, che ha sede a Londra, e l’unità di wealth e personal banking ha contribuito per il 44%, o 22 miliardi di dollari, alle entrate globali rettificate dell’istituto di credito l’anno scorso.
La banca sta cercando di rafforzare il servizio di gestione patrimoniale mobile, Hsbc Pinnacle, in Cina con circa 700 consulenti patrimoniali personali entro la fine dell’anno invece dei 550 originariamente previsti, ha detto Matos.
I servizi di gestione patrimoniale di Hsbc includono investimenti, assicurazioni e prodotti di gestione patrimoniale, mentre il private banking soddisfa le esigenze di coloro che hanno un patrimonio investibile di almeno 5 milioni di dollari.
Alla fine dell’anno scorso, la banca aveva 20 dipendenti che operavano nel settore del private banking onshore in Cina, ha detto Siew Meng Tan, responsabile del Private Banking Hsbc per la regione Asia-Pacifico.
“Entro la fine di quest’anno, arriveremo a 64 (persone) ed entro la fine del prossimo anno, raddoppieremo”, ha detto.
Hsbc sta valutando un eventuale rientro nel private banking onshore in India, dove la popolazione di super ricchi sta crescendo velocemente e i mercati azionari da record hanno creato una serie di start-up da un miliardo di dollari.
Hsbc è uscita dal business del private banking indiano nel 2015 nel quadro della strategia del gruppo. Il mercato indiano, redditizio ma molto competitivo, ha pochi attori stranieri.

 

 

 

Fonte:www.reuters.com