Una fonte della sicurezza egiziana ha detto che entrambe le parti hanno concordato in linea di principio un cessate-il-fuoco

 

Un alto funzionario di Hamas ha previsto un cessate-il-fuoco nei prossimi giorni, in occasione dell’undicesimo giorno di attacchi transfrontalieri da parte dei militanti d’Israele e di Gaza, tra attacchi aerei israeliani e il lancio di razzi palestinesi.

Il presidente statunitense Joe Biden ha richiesto ieri al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di cercare una “de-escalation”, puntando a un cessate il fuoco.

Una fonte della sicurezza egiziana ha detto che entrambe le parti hanno concordato in linea di principio un cessate-il-fuoco, dopo l’aiuto di mediatori, ma i dettagli sono ancora oggetto di negoziati segreti.

“Ritengo che i continui sforzi riguardanti un cessate-il-fuoco avranno successo”, ha detto Moussa Abu Marzouk, dirigente di Hamas, parlando all’emittente televisiva libanese al-Mayadeen TV. “Prevedo il raggiungimento di un cessate-il-fuoco tra un giorno o due, cosa che avverrà in base a un accordo comune”.

La tv del Qatar Al Jazeera ha riportato che Tor Wennesland, inviato di pace mediorientale delle Nazioni Unite, incontrerà il capo di Hamas, Ismail Haniyeh, in Qatar.

Tuttavia gli scontri sono proseguiti, con militanti israeliani e islamici che hanno espresso la loro opposizione.

Dall’inizio del conflitto il 10 maggio, secondo i funzionari sanitari palestinesi, 228 persone sono state uccise in bombardamenti aerei che hanno peggiorato la già grave situazione umanitaria a Gaza.

Le autorità israeliane hanno riportato finora un bilancio delle vittime di 12 persone nella nazione, dove i ripetuti attacchi con razzi hanno seminato il panico, costringendo i cittadini a cercare rifugio.

 

 

Fonte:www.investing.com