Le azioni Apple sono a forte rischio di un grosso ribasso nel caso in cui il rallentamento economico si dimostrasse maggiore del previsto, scrivono gli analisti di Goldman Sachs in una nota ai clienti

 

L’analista Rod Hall vede un rischio di ribasso del 42% per le azioni Apple) se si dovesse realizzare lo scenario di ipotesi ribassista.
Il suo nuovo scenario prospettato stima le azioni Apple scambiate a 130,00 dollari ad azione, nuovo price target (in calo dai precedenti 157,00 dollari). Il price target più basso rispecchia il calo delle previsioni sui ricavi di circa il 2% sia nel FY’23 che nel FY’24.
“Nel nostro nuovo scenario ribassista per Apple, prevediamo un CAGR dei ricavi del 10% nel periodo CY’19A – CY’23E, in accelerazione dalla crescita del 3% che la società ha registrato nel periodo CY15A – CY’19A. Ci aspettiamo che il margine EBIT e gli EPS si espandano rispettivamente al 28,1% e 5,81 dollari nel CY’23 dal 24,7% e dai 3,17 del CY’19… Le nostre stime di ipotesti ribassista su ricavi ed EPS implicano il potenziale di un rischio di discesa del 22% e del 33% in confronto alle attese, rispettivamente”, scrive Hall.
Oltre ad Apple, anche Commscope, Corsair Gaming ed Avaya corrono il rischio di un importante calo della valutazione con un maggiore rallentamento del PIL. Allo stesso modo, Hall stima che Vivint Smart Home possa crollare dell’83% in un simile scenario.
Un altro titolo large-cap che non promette bene è Hewlett Packard Enterprise: gli analisti di Goldman Sachs stimano un rischio di ribasso del 48%.

 

 

Fonte:www.financialounge.com