L’AD di Generali (MI:GASI) Philippe Donnet, candidato dal cda per la riconferma, ha detto che il piano alternativo presentato da Francesco Gaetano Caltagirone che punta a sostituirlo metterebbe a rischio i dividendi

 

In una intervista a Repubblica, il manager che ha l’appoggio del primo azionista del Leone di Trieste, Mediobanca (MI:MDBI), dice anche che, se rieletto, proverà “a superare l’obiettivo di riduzione dei costi (2,5-3% in meno sul rapporto costi-ricavi, ndr) malgrado l’inflazione”.

L’assemblea dei soci del gruppo assicurativo si svolgerà a fine mese e si contenderanno la gestione della compagnia la lista presentata dal cda uscente, sostenuta in primis da Mediobanca, e quella alternativa proposta da Caltagirone che ha proposto Claudio Costamagna presidente e Luciano Cirinà come AD.

Donnet commenta il piano di Caltagirone definendolo un insieme di slide: “Non sono numeri più ambiziosi del nostro piano: sono solo più rischiosi, e senza remunerare di più gli azionisti anzi, mettendo a rischio i dividendi che invece il nostro piano prevede in costante crescita”.

 

 

Fonte:www.euronews.com