Le due Big Tech l’avevano siglata nel 2015. Non verrà rinnovata

 

 

 

Che cosa significa la fine della tregua soprattutto per il business dell’advertising online e del cloud? E per il futuro dell’intelligenza artificiale?

Mentre le autorità di tutto il mondo mettono sotto accusa le Big Tech, e quindi anche Google, avere un nemico del calibro di Microsoft non è certo un conforto. Microsoft è cambiata molto dal 2015. Allora lo scontro principale era sulla posizione dominante di Mountain View nelle ricerche web.

Oggi le tensioni maggiori tra i due potrebbero anche presentarsi nei servizi cloud, che vedono per altro in campo un altro player di rilievo come Amazon.com, con la sua Amazon Web Services (Aws). Cruciale, ovviamente, rimane la questione pubblicitaria che, non a caso, è uno dei temi più caldi per Google anche dal punto di vista regolatorio.

Come ricorda Bloomberg, nonostante la tregua fosse ancora in atto già lo scorso anno Microsoft aveva cambiato approccio. A differenza delle altre Big Tech (Google, ma anche Apple, Amazon e Facebook), Microsoft si è lasciata da tempo alle spalle i contenziosi antitrust.

 

 

Fonte:www.financial,com