I funzionari della Federal Reserve il mese scorso hanno ritenuto “generalmente non ancora raggiunti” ulteriori sostanziali progressi sulla ripresa economica degli USA, ma saranno pronti ad agire in caso di inflazione o altri rischi

 

 

Nei verbali della riunione di Giugno si legge che secondo “vari partecipanti” al meeting le condizioni per ridurre gli acquisti di asset della banca centrale sono state “soddisfatte un po’ prima di quanto avessero previsto”.

I verbali non specificano quando la Fed inizierà a modificare gli acquisti mensili di bond e i tassi di interesse vicini allo zero messi in atto nella primavera del 2020.

Tuttavia, hanno mostrato che il dibattito su tali questioni è seriamente iniziato, con i funzionari della Fed che hanno persino analizzato dettagli come l’eventualità di limitare gli acquisti di titoli garantiti da ipoteca più velocemente di quelli dei Treasury.

Le azioni statunitensi e il dollaro sono rimasti pressoché invariati dopo la pubblicazione dei verbali.

 

 

Fonte:www.financial.com