La svedese Ericsson ha registrato un calo del 62% dell’utile operativo rettificato del secondo trimestre, battendo leggermente le aspettative del mercato

Gli utili operativi della società svedese di reti e telecomunicazioni, esclusi gli oneri di ristrutturazione, sono scesi a 2,8 miliardi di corone svedesi (271 milioni di dollari), rispetto ai 7,4 miliardi dell’anno precedente.

Ekholm, citando la crescente domanda di 5G, ha previsto che il mercato vedrà una graduale ripresa alla fine del 2023, per poi migliorare nel 2024.

Secondo i dati di Refinitiv Eikon, i ricavi netti sono aumentati del 3% a 64,4 miliardi di corone, superando i 63,9 miliardi attesi dagli analisti.

Il margine lordo di Ericsson per il secondo trimestre è sceso al 37,4% dal 38,6% del trimestre precedente.

Negli ultimi mesi, la società di reti e telecomunicazioni ha tagliato i costi per mitigare la riduzione della spesa dei clienti operatori di telecomunicazioni, annunciando a febbraio l’intenzione di licenziare 8.500 dipendenti. L’azienda prevede di risparmiare altri 2 miliardi di corone (193 milioni di dollari) di costi.

Fonte:www.reuters.com