I listini del Vecchio Continente avviano le contrattazioni all’insegna dell’incertezza. Focus sulle trimestrali. Sale la tensione nel Mare della Cina Meridionale

 

Le Borse europee iniziano la giornata di contrattazioni all’insegna dell’incertezza, dopo la prima buona seduta di agosto. A Milano il Ftse Mib apre a +0,12%, il Dax di Francoforte a -0,22%, il Cac 40 di Parigi a +0,29%, l’Ibex 35 di Madrid a +0,08% e il Ftse 100 di Londra a -0,14%. La Borsa di Tokyo chiude la giornata in calo, con l’indice Nikkei in ribasso dello 0,5%.

ASIA IN ROSSO

La giornata sui listini asiatici prosegue in rosso. A rallentare i mercati asiatici c’è sempre il timore per i nuovi casi da variante Delta, con il rischio di interruzioni nella catena di approvvigionamento, ma pesa soprattutto la scelta della Germania di inviare una nave da guerra nel Mare della Cina Meridionale, per la prima volta negli ultimi due decenni. Pechino rivendica quell’area e ha posizionato avamposti militari su isole artificiali nelle acque ricche di giacimenti di gas e ricca pesca. Lì davanti c’è l’isola di Taiwan, strategica per la produzione di chip.

 

 

Fonte:www.investing.com