Nonostante il balzo dei listini USA, le Borse asiatiche sono in rosso questo mercoledì

 

Listini negativi nell’area Asia-Pacifico questo mercoledì per paura dell’imminente arrivo di una recessione economica. Dalle Borse USA, invece, arrivano segnali incoraggianti.

In Giappone, il Nikkei 225 è salito dello 0,01% alle 4:30 AM CEST. Lo yen è vicino al minimo di 24 anni contro il dollaro. Shunichi Suzuki, ministro delle finanze nipponico, nella giornata di ieri ha mostrato tutta la sua preoccupazione per l’indebolimento dello yen, aggiungendo che, se necessario, si interverrà in maniera appropriata sui mercati di cambio.

l KOSPI della Corea del Sud è in calo dell’1,74%.

In Australia l’indice ASX 200 è salito dello 0,06%.

L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso dello 0,55%.

In Cina lo Shanghai Composite è sceso dello 0,09%, mentre lo Shenzhen Component è sceso dello 0,17%.

Questa la situazione dei listini USA: l’S&P 500 ed il Nasdaq 100 sono saliti del 2% e il rendimento dei Treasury decennali è stabile al 3,27%.

Grande attesa per l’intervento di oggi di Jerome Powell, presidente della Fed. Gli investitori cercheranno ulteriori indicazioni sul futuro andamento dei tassi di interesse della Federal Reserve.

 

 

Fonte:www.reuters.com