La borsa di Shanghai ha perso terreno oggi, con il sentiment sul mercato depresso dopo che il premier Li Keqiang ha segnalato pressioni al ribasso sulla seconda economia mondiale, mentre i contagi da Covid-19 trasmessi localmente hanno toccato i massimi di quasi tre mesi

 

 

L’indice blue-chip CSI300 399300 ha chiuso in ribasso dello 0,39% a 4.821,11 punti, mentre l’indice Shanghai Composite 000001 ha guadagnato lo 0,2% a 3.498,54 punti.

L’indice più piccolo Shenzhen .SZSC ha ceduto lo 0,06% e l’indice delle start-up ChiNext Composite 399006 ha perso lo 0,38%.

Il Premier Li, in base a dichiarazioni riportate ieri sera dai media statali, ha detto che l’economia cinese deve affrontare nuove pressioni al ribasso, anche se le autorità manterranno le operazioni economiche all’interno di un range ragionevole e prenderanno misure per sostenere i settori industriali.

In controtendenza, i titoli legati a materie prime tradizionali come il carbone si sono messi in evidenza tra i migliori della seduta, con il settore del carbone .CSI000820, in rialzo del 4,2%.

La Commissione sanitaria nazionale cinese ha confermato 93 nuovi contagi a livello locale per il 2 novembre, in rialzo da 54 il giorno precedente e ai massimi dal 9 agosto, quando si era all’apice dell’ultima ondata della pandemia in Cina.

Secondo gli analisti di mercato e i trader, gli investitori attendono con ansia l’esito del meeting sulla politica monetaria della Federal Reserve, previsto più tardi oggi, in occasione del quale la banca centrale statunitense dovrebbe annunciare la progressiva revoca delle misure di stimolo dell’era della pandemia.

 

 

Fonte:www. tradingview.com