Partenza attorno alla parità per i derivati sui Bund e sui Btp dopo il forte rimbalzo visto ieri, in un mercato che resta in attesa della conclusione del meeting della Fed, questa sera, e di quello della Banca d’Inghilterra domani

 

 

Dalla Cina l’indice Pmi relativo ai servizi ha mostrato a ottobre un’espansione a un ritmo più rapido — al massimo da luglio — a 53,8 da 53,4 di settembre.

Oltre all’annuncio sul ‘tapering’, dato per scontato dal mercato, l’attenzione sarà rivolta a tutti quegli spunti sul percorso di rialzo dei tassi di interesse, in particolare eventualmente sul prossimo anno, alla luce dell’aumento dell’inflazione che si sta rivelando più persistente del previsto.

Domani sarà la volta della Banca d’Inghilterra alle prese con una decisione difficile da prevedere mentre il mercato si aspetta un rialzo dei tassi che, se confermato, sarebbe il primo nel mondo ad opera di un importante istituto centrale.

In una seduta che vedrà la piazza giapponese chiusa, da monitorare gli interventi di diversi esponenti Bce tra cui la stessa presidente Christine Lagarde.

Gli strategist di Ing in una nota dicono che “la sessione europea potrebbe vedere un ulteriore rialzo dei prezzi dopo il calo eccessivo legato alla prospettiva di un stretta monetaria targata Bce”, espimendo tuttavia qualche dubbio al riguardo.

 

 

Fonte:www.proiezionidiborsa.it