In arrivo le richieste di chiarimento per le micro-transazioni sospette, senza una giustificazione valida i pagamenti verranno cancellati e gli utenti perderanno posizioni in classifica

 

 

Tempi duri per i furbetti del Cashback di Stato. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, ora arriva la conferma dal viceministro dell’Economia Laura Castelli, che tramite il suo profilo Facebook (NASDAQ:FB) ha annunciato l’inizio dei controlli sui micro-pagamenti sospetti.

MESSAGGI INVIATI

Alcuni utenti hanno ricevuto un messaggio direttamente sull’App IO. Si tratta di persone iscritte al programma Cashback sospettate di aver effettuato micro-pagamenti in serie per scalare la classifica generale e incassare il bonus extra da 1.500 euro. Al termine di ogni semestre, infatti, oltre ai 150 euro di Cashback previsto al raggiungimento della quota, i primi centomila della classifica generale ottengono un premio aggiuntivo.

 

 

Fonte:www.investing.com