I tecnologici statunitensi sono considerati la seconda bolla più grande, secondo Deutsche Bank

 

Secondo un sondaggio di Deutsche Bank (DE:DBKGn) pubblicato martedì, gli investitori considerano il Bitcoin e le azioni tecnologiche statunitensi come le più grandi bolle del mercato oggi.

L’indagine, che ha intervistato 627 professionisti del mercato tra il 13 e il 15 gennaio, ha rivelato che la stragrande maggioranza degli investitori (89%) ritiene che alcuni mercati finanziari siano in territorio di bolla.

Tra queste bolle, il Bitcoin e le azioni tecnologiche statunitensi sono in cima alla lista. Il Bitcoin è visto come un caso più estremo, con la metà degli intervistati che danno alla criptovaluta un punteggio di 10 su una scala di bolle da 1 a 10.

I tecnologici statunitensi sono considerati la seconda bolla più grande, secondo Deutsche Bank, con un punteggio medio di 7,9 su 10 e l’83% degli intervistati che le danno un punteggio pari o superiore a 7 sulla scala della bolla.

L’indagine rivela anche che gli investitori ritengono che la Bitcoin e la casa automobilistica elettrica Tesla (NASDAQ:TSLA) abbiano più probabilità di scendere che di risalire nei prossimi 12 mesi.

“Alla domanda specifica sui prossimi 12 mesi di Bitcoin e Tesla – una caratteristica emblematica di una potenziale bolla tecnologica – la maggioranza dei lettori pensa che sia più probabile che si dimezzino piuttosto che raddoppino da quei livelli, con Tesla più vulnerabile secondo i lettori”, scrive Deutsche Bank.

Le “condizioni monetarie espansive” che favoriscono le bolle sono destinate a rimanere, come dimostra anche il sondaggio DB, con il 71% degli intervistati che afferma di non credere che la Federal Reserve renderà più rigida la sua politica prima della fine del 2021. Ma un quarto degli investitori ha detto che la crescita economica o i mercati potrebbero forzare la mano.

Infine, l’indagine della banca mostra anche che, secondo un maggior numero di investitori, l’introduzione del vaccino per il Covid 19 è stata inferiore alle aspettative (41%) rispetto a chi afferma che è stata migliore del previsto (22%). Poco più della metà degli intervistati ha dichiarato di vedere la vita tornare alla normalità entro la fine dell’anno.

 

 

Fonte:www.investing.com