Situazione positiva per il mondo cripto. Semplice fuoco di paglia?

 

Era da tempo che, dopo una sessione di chiusura positiva negli USA e un altro boost ricevuto durante le prime ore di contrattazione in Asia, non ci si svegliava con un mercato fortemente in rialzo.

Una situazione sicuramente piacevole anche per chi è entrato nel mondo cripto: il mercato ha ripreso a crescere, riportandosi tra le altre cose sopra la quota di capitalizzazione complessiva simbolo di 1.000 miliardi di dollari, ma la situazione rimane relativamente complessa per quanto riguarda l’intero settore finanziario, anche quello che non è legato direttamente al Bitcoin.

Nella giornata di ieri, Celsius, operatore del settore crypto lending centralizzato ormai in difficoltà da diverse settimane, stando a quanto riferiscono i dati on chain, avrebbe finalmente chiuso ogni tipo di debito con Maker, rientrando in possesso di un numero importante di wBTC.

Interessante è stato anche il recupero di quello che è tornato ad essere, in bear market, il settore degli altcoin: Ethereum torna sopra i 1.200$, così come volano altri protocolli come AAVE, in virtù del suo nuovo stablecoin, ma anche come Polygon grazie ai suoi recenti accordi commerciali.

Sicuramente la situazione sta lentamente tornando alla normalità, ma possiamo davvero dire che questo Boom durerà?

Certamente, un rialzo, seppur consistente, non può assolutamente fare un bull market e la situazione a livello internazionale continua ad essere estremamente complessa, con le economie mondiali in grande difficoltà a causa della combinazione di guerre, inflazione e strascichi sulla supply chain degli effetti del COVID, in particolare in Cina.

In una situazione di incertezza di questo tipo, rimane fondamentale muoversi con estrema prudenza e con strumenti che permettano di gestire volatilità e andamento altalenante dei mercati.

 

 

Fonte:www.criptovaluta.com